In primo piano

"

Milioni di stelle marine stavano morendo,

la tempesta le aveva mandate alla deriva.

Quando l’uomo vide la bambina le chiese:

‘ma cosa pensi di fare, non puoi salvarle tutte’

La bimba rispose: ‘lo so, ma per questa farà una differenza

                                    enorme

"

Ci piace raccontare questa storia perché crediamo che rappresenti bene il nostro modo di essere volontari.

Tutti noi, infatti,  siamo consapevoli che non possiamo cambiare il mondo, ma siamo altrettanto consapevoli che, per i bambini che riusciamo a raggiungere, facciamo la differenza, e questa differenza voi potete farla con noi ...

Lo Statuto di Micromondo onlus

COSTITUZIONE E FINALITA’
Art. 1
È costituita l’Associazione “Micromondo - Onlus”, con sede a Monza.

Art. 2
L’Associazione, estranea a qualsiasi implicazione di ordine politico, partitico, confessionale o razziale, non ha scopo di lucro e si configura come un’associazione di volontariato che persegue i seguenti fini:
1) realizzare microprogetti con lo scopo di tutelare i diritti dei bambini, sanciti dalla convenzione sui diritti del fanciullo (New York, novembre 1989, ratificata dall’Italia, con legge 27 maggio 1991, n. 176), ovvero aiutare minori in difficoltà per le più diverse cause, alleviandone le sofferenze.
2) l’Associazione si impegna anche a dare voce ai bambini che soffrono, divulgando le loro difficili condizioni di vita.
Per realizzare tali scopi, l’Associazione:
a) agisce attraverso microprogetti, senza mettere limiti all’ambito territoriale in cui va a operare,
b) interviene partendo da una segnalazione di una situazione di disagio individuata dall’associazione stessa, da altre organizzazioni che ne condividono i principi o da persone sensibili a queste problematiche,
c) accerta l’emergenza e si impegna a trovare una soluzione, coinvolgendo se necessario altre organizzazioni,
d) stende una relazione dettagliata sul tipo di intervento realizzato a microprogetto concluso, l’Associazione,
e) divulga ogni microprogetto con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della violazione dei diritti dei minori.

Art. 3
La durata dell’Associazione è stabilita fino al 2040. L’assemblea potrà prorogare tale durata o consentire anche tacitamente la sua continuazione a tempo indeterminato.

SOCI
Art. 4
All’Associazione si può aderire in qualità di soci effettivi o di soci sostenitori.
1) Sono soci effettivi coloro che, condividendo gli scopi dell’Associazione intendono adoperarsi per conseguirli. Possono diventare soci effettivi tutti coloro che, previo versamento della quota di iscrizione annuale, partecipano alle attività sociali e vengono iscritti nel libro dei Soci Effettivi. La qualifica di socio effettivo può essere perduta per: dimissioni, inosservanza di statuto, comportamento scorretto nei confronti dell’associazione.
2) Sono Soci Sostenitori coloro i quali sostengono l’Associazione attraverso offerte libere anche discontinue. I Soci Sostenitori hanno la facoltà di partecipare all’Attività dell’Associazione.
Il numero di soci è illimitato.
Tutte le cariche sociali sono elettive e non retribuite. Nella realizzazione dello scopo sociale, l’Associazione si avvale di attività di volontariato, prestata in modo personale, spontaneo e gratuito, senza scopo di lucro anche indiretto ed esclusivamente per fini di solidarietà, conforme alla legge 11/08/1991, n. 266 e intende avvalersi, per il presente atto e per ogni altro atto connesso allo svolgimento delle proprie attività, nonché per le attività stesse, delle esenzioni e agevolazioni previste dall’art. 8 della legge citata.

Art. 5
L’associazione può aderire a coordinamenti, associazioni e cooperative, sia nazionali sia internazionali, che perseguono fini consimili o complementari. A loro volta, associazioni, cooperative, forze politiche e sociali che condividano le finalità dell’associazione (art. 2) possono aderire ad essa.

PATRIMONIO SOCIALE, RISORSE ECONOMICHE E BILANCIO
Art. 6
Il patrimonio sociale è costituito da:
1. beni patrimoniali mobili e immobili.
Le risorse economiche sono determinate da: 1. beni patrimoniali mobili e immobili.

Le risorse economiche sono determinate da:
1. quote e contributi degli associati
2. contributi liberamente erogati da persone fisiche, da enti pubblici e privati;
3. donazioni e lasciti testamentari;
4. rimborsi derivanti da convenzioni;
5. entrate derivanti da attività marginali.

Art. 7
Il bilancio riguarda l’esercizio sociale, dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno, e deve essere presentato entro il 30 giugno dell’anno successivo. In caso di scioglimento dell’Associazione, deciso dall’assemblea dei soci, l’eventuale patrimonio sociale residuo andrà a beneficio di un’altra/e organizzazione/i non lucrative di utilità sociale (Onlus) designata/e dalla stessa Assemblea, secondo quanto disposto dall’art. 5 della legge 11 agosto 1991 n. 266.

ORGANI SOCIALI
Art. 8
Gli organi sociali sono:
l’Assemblea dei Soci
il Consiglio Direttivo
il Presidente
il Vice Presidente

L’ASSEMBLEA DEI SOCI
Art. 9
L’Assemblea dei soci viene convocata almeno una volta all’anno. Essa approva il programma e le linee generali di azione dell’Associazione. Spetta all’Assemblea deliberare in merito:
- all’approvazione del bilancio annuale,
- all’approvazione dei progetti da sostenere,
- alla nomina dei membri del Consiglio Direttivo (in numero dispari),
- a tutte le questioni attinenti la Gestione Sociale,
- all’approvazione dello Statuto,
- alla ratifica dell’entità delle quote sociali stabilite dal Consiglio Direttivo,
- ad ogni altro argomento che il Consiglio Direttivo intenda sottoporre.

L’Assemblea delibera a maggioranza dei presenti. Ogni associato può farsi rappresentare da un altro associato tramite delega scritta o verbale. Tuttavia nessun associato può rappresentare più di altri due associati. Ciascun associato ha diritto ad un voto. L’assemblea è presieduta da un Presidente, nominato dall’Assemblea stessa; inoltre, provvede alla nomina di un Segretario incaricato della redazione del verbale.

CONSIGLIO DIRETTIVO
Art. 10
Il Consiglio Direttivo è composto da:
- Presidente
- Vice Presidente
- Consiglieri

1. I membri del Consiglio Direttivo vengono eletti dall’Assemblea dei Soci.
2. Il Consiglio Direttivo resta in carica per 2 anni
3. I suoi componenti sono rieleggibili
4. E’ convocato in via ordinaria dal Presidente o dal Vice Presidente. Può essere altresì convocato in via straordinaria su richiesta dei 2/3 dei suoi componenti
5. Delibera a maggioranza con la presenza di almeno la metà dei componenti.
6. Ha la facoltà di approvare eventuali estensioni urgenti di progetti di piccola entità già approvati o in corso d’opera.

Nessun compenso è dovuto ai membri del Consiglio Direttivo.

Tutti i componenti del Consiglio Direttivo sono solidalmente responsabili delle obbligazioni assunte dall’associazione, salvo quelle derivanti da operazioni per cui hanno espresso specifico dissenso a verbale.
Il Consiglio Direttivo ha i seguenti compiti:
- Elegge e revoca al suo interno il Presidente e il Vice Presidente .
- Assegna al proprio interno deleghe individuali attinenti la realizzazione degli obiettivi e delle iniziative dell’Associazione.
- Attua le deliberazioni dell’Assemblea.
- Provvede a compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione ad eccezione di quelli previsti nelle competenze assembleari e alla redazione del bilancio.
- In caso di necessità, ha la facoltà di cooptare altri membri fino a un massimo di un terzo dei suoi componenti.

- Individua le iniziative, anche di carattere economico, per il perseguimento degli scopi statutari e determina le modalità di realizzazione delle stesse.
- Ratifica i provvedimenti di propria competenza, adottati dal Presidente per motivi di necessità e di urgenza.
- Ha il compito di redigere e di tenere aggiornato il libro Soci Effettivi.

PRESIDENTE
Art. 11
Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione nei confronti di terzi con potere di firma. Convoca riunioni ordinarie dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo.
In caso di necessità e di urgenza, assume i provvedimenti di competenza del Consiglio, sottoponendoli a ratifica nella prima riunione utile dello stesso.
In caso di impedimento o assenza temporanea del Presidente, tutte le funzioni vengono svolte dal Vice Presidente.
Il Presidente e il Vice Presidente congiuntamente hanno facoltà di aprire e chiudere i conti correnti bancari e postali dell’Associazione e possono operare disgiuntamente sugli stessi.

VICE PRESIDENTE
Il Vice Presidente viene eletto dal Consiglio Direttivo e coadiuva il Presidente in tutte le sue cariche e funzioni e lo sostituisce in caso di impedimento o cessazione.

MODIFICHE DELLO STATUTO
Art. 12
Le modifiche dello statuto devono essere proposte all’Assemblea dei Soci Effettivi in convocazione straordinaria, con apposita delibera del Consiglio Direttivo, per iniziativa dello stesso. Perché l’Assemblea sia valida è indispensabile la presenza di almeno 2/3 dei Soci Effettivi iscritti a Registro. La delibera è valida con il voto favorevole della Maggioranza (50% + 1). Sono ammesse deleghe nelle modalità previste nell’art. 9.

Art. 13
Per quanto non previsto dal presente statuto, si fa riferimento alle vigenti disposizioni legislativ e in materia.

Micromondo onlus  | Sede Legale c/o CASA del VOLONTARIATO - Via Correggio, 59 - 20900 Monza (MB) | c.f. 94574760156

Iscrizione n° MI-113 Registro Regionale delle organizzazioni di volontariato della Sezione provinciale di Milano